Tradizione antica

Una famiglia legata alla terra, con antichissime tradizioni nel campo della viticoltura: ecco come è nata La Casa dell'Orco, azienda agricola che dal 1993 produce i suoi vini direttamente nelle proprie cantine, avvalendosi di avanzate tecniche di vinificazione che permettono di conferire risalto ai profumi e agli aromi dei giustamente noti vini d'Irpinia.

coltura tradizionale

La zona

I vigneti de La Casa dell'Orco si trovano in zone collinari, ad altitudine compresa fra i 350 e i 500 metri, nei comuni di Pratola Serra, Montefalcione, Lapio, Santa Paolina e Tufo.

L'azienda deve il suo peculiare nome a un'omonima località che si trova nelle campagne circostanti e dove si trova un monumento megalitico composto da tre grosse pietre: leggenda vuole che fosse il luogo di dimora di un orco.

invecchiamento vino

Le uve

Uve vinificate in purezza e con metodi tradizionali: i vigneti dell'azienda vengono coltivati a spalliera, con una densità tra i 2500 e i 3500 ceppi ad ettaro e potati col sistema classico del Guyot; utilizzo minimo di concimi e di antiparassitari e preferenza per la lotta integrata, esclusione assoluta di sostanze di sintesi.

La produzione effettiva non supera i 60-70 q/ha e ciò si traduce in circa 200.000 bottiglie di vino all'anno.